What's new

Parliamo del Red Bull Straight Rhythm?

6 Oct , 2014   Gallery

Lasciamo per un attimo la questione inserimento in curva, velocità di percorrenza ecc. e pensiamo al Red Bull Straight Rhythm, ovvero quasi un km di inferno da fare tutto in apnea.

Hai presente le serie ritmiche delle nostre pistarelle dove trovi 3 o 4 salti in fila con qualche gobbetta e speri ogni giro di uscirne vivo concentrandoti sul non fare lungo/corto e scegliere la marcia giusta? Ecco sta roba è più o meno 100 volte più tosta.

I salti sono big, la serie di table top lunghissima, doppi e tripli come se piovessero, waves lontanissime e whoops più incazzate di mia madre la prima volta che sono tornato a casa sbronzo. Insomma una figata totale.

In più i rider presenti erano di quelli leggendari e due cose che non dimenticheremo sono:

1. James Bubba Stewart che ha praticamente sostituito il comando del gas con un bottone on/off. Anzi, solo on.

2. Travis Pastrana che non può non aver legato le mani al manubrio del suo 500 bestiale per riuscire a domarlo, (sulle whoops andava a 200 km/h circa) e il suo backflip in scioltezza sul finale? Ho preso a testate la mia ragazza per l’euforia che mi ha causato quel gesto.

Qui trovate i tabelloni finali

Eccovi qualche foto atomica (credits: Red Bull):